CASA

Una vantaggiosa offerta per la fornitura di gas metano che garantisce la programmazione e il contenimento delle spese • ...

CONDOMINI

Sconti esclusivi per una proposta definita sui consumi reali del cliente, ed un piano tariffario di assoluta convenienza • ...

AZIENDE

Un'offerta personalizzata chiara e trasparente che si produce in un risparmio di sicuro interesse • ...

Efficienza energetica

Elettragas

L'inizio dell'autunno è il periodo migliore per verificare se la caldaia per il riscaldamento ancora gode della piena efficienza.
Scoprire l'esistenza di un guasto solo all'arrivo del freddo è quanto di peggio possa capitare. Nei primi giorni di freddo i tecnici delle ditte di manutenzione sono letteralmente bombardati da chiamate e la lista di attesa degli interventi si allunga anche di molti giorni. Pertanto la prima regola razionale è quella di essere previdenti: far svolgere la manutenzione annuale della caldaia almeno un mese prima del periodo di accensione. Ad es. in ottobre. Altro motivo per effettuare manutenzione e pulizia della caldaia è quello di garantire una buona efficienza di funzionamento. Una caldaia non in perfetta efficienza aumenta il consumo di gas e la vostra spesa sulla bolletta. Inoltre per ottenere una corretta gestione dei fumi è necessario ogni due anni effettuare l'analisi dei fumi, così come prevede la legge. Ogni 2 o 3 anni, durante i mesi estivi, fate verificare anche lo stato delle tubature, laddove possibile. Il cattivo isolamento dell'impianto può comportare un'inutile e notevole dispersione del calore prodotto dalla caldaia.

Ecco qualche consiglio pratico per ridurre le spese ed avere un riscaldamento sempre efficiente!

Mantenete le superfici dei corpi scaldanti sempre libere da tende

Evitate di coprire i termosifoni con mobili o tende. I termosifoni sotto la finestra aiutano a riscaldare le pareti più fredde, ma tendono anche a lavorare di più. Impariamo come ottenere una maggiore efficienza dal termosifone. Dal termosifone l'aria calda si sposta verso l'alto ed entra in circolo nella stanza riscaldando l'ambiente. La presenza della tenda davanti al radiatore ostacola all'aria calda di creare un ricircolo. Al contrario, l'aria calda viene imprigionata tra il vetro e la tenda, ossia nella zona più fredda e meno vissuta dalla stanza. In queste condizioni per riscaldare la stanza la caldaia dovrà lavorare più a lungo, consumando una maggiore quantità di gas e aumentando la spesa sulla vostra bolletta. E' sufficiente accorciare le tende, o impedire che si crei un canale tra tenda e finestra, per ottenere una maggiore efficienza dal termosifone e risparmiare sul costo del riscaldamento. La stanza si riscalderà prima, e la caldaia consumerà una minore quantità di gas.

Proteggete i tubi del riscaldamento da perdite di calore

Ad esempio in cantina, nelle intercapedini e comunque nei transiti in locali non abitati e riscaldati assicurarsi che i tubi dell'impianto siano coibentati.

Spurgate l'aria dai radiatori per tenerli sempre alla massima efficienza. L'aria presente nelle tubazioni dell'impianto tende a depositarsi nei radiatori impendendone il pieno riscaldamento e provocando un inutile lavoro per la caldaia. I vecchi termosifoni potrebbero non avere una valvola di sfiato dell'aria, in questi casi non costerà molto farle installare tramite un semplice intervento da parte del vostro termoidraulico di fiducia.

Trattenete il calore in casa

E' preferibile far circolare l'aria aprendo completamente le finestre nelle ore più calde. Ricambiare l'aria della casa o tenere una finestra aperta quando la caldaia è accesa provocherà solo un consumo inutile di gas o di gasolio. Evitare di tenere la finestra socchiusa, in questo modo il caldo interno tenderà ad uscire facendo lavorare il doppio del tempo la caldaia.

Abbassare le tapparelle nelle ore notturne per mantenere calda la casa. I vetri provocano una grande dispersione del calore interno raffreddando la stanza.

Installate doppi vetri nei serramenti delle finestre e delle porte finestre per impedire la dispersione termica tra il freddo esterno ed il caldo interno.

Regolate la temperatura a 19°. Per limitare i consumi della caldaia fate in modo che la temperatura interna della casa oscilli intorno ai 19°. Per un solo grado di temperatura interna superiore aumenterete i consumi del 8%. Quando soffrite la calura d'inverno e siete costretti ad aprire le finestre state facendo lavorare la caldaia spendendo inutillmente molti euro di gas in più. Abbassare la temperatura di 1-2 gradi e indossare qualche maglione è una scelta intelligente.

Coibentate le pareti per impedire la dispersione del calore con l'esterno facendo lavorare meno la caldaia. Nel caso delle località montane o particolarmente fredde valutate la coibentazione completa delle pareti, un investimento che vi potrebbe far risparmiare anche il 70% della spesa annuale per riscaldare la casa. Ad esempio usando la tecnica della doppia parete con camera d'aria.

La manutenzione periodica: il primo modo per risparmiare

Conoscerete certamente l'obbligo per i possessori di impianti termici di tenuta del libretto di impianto e della manutenzione annuale con analisi di combustione biennale.
Rispettate questi obblighi, recupererete i soldi spesi in minori consumi.
E se avete uno scaldabagno a gas ricordate che il concetto è lo stesso: chiamate un tecnico abilitato e procedete ogni anno alla manutenzione, sarà più sicuro e risparmierete sul consumo.

Al momento dell'acquisto di una caldaia considerate che una caldaia a condensazione offre risparmi anche del 20% nei consumi di metano. Sulle caldaie ad elevata efficienza sono stati previsti contributi all'acquisto nella Finanziaria 2007.

Utilizza la caldaia in economia

1. In estate utilizza la caldaia regolando la temperatura al minimo.

2. In inverno regola la caldaia in base alle tue necessità e preferenze.

3. Nelle ore notturne spegnete la caldaia o regolate il timer per farla riaccendere due ore prima di quando ci si dovrà alzare. In caso di ambienti particolarmente freddi è comunque sufficiente regolare la temperatura interna notturna a soli 16°.

4. La caldaia di accumulo può essere programmata per funzionare negli orari per te più comodi.

5. Pulisci periodicamente gli apparecchi e le tubazioni per evitare di sprecare energia e acqua.

6. Verifica sempre la fiamma della caldaia: deve essere sempre blu e non deve oscillare; la fiamma gialla indica una cattiva combustione.

Il risparmio anche in cucina

1. Tieni pronto l'accendino o il fiammifero.

2. Accendi il fiammifero prima di aprire il gas della cucina.

3. Dopo l'ebollizione abbassa la fiamma del fornello.

4. Metti il coperchio sulla pentola, così eviterai perdite di calore.

5. Fai in modo che la fiamma bruci al centro della pentola.

6. Le pentole con il fondo spesso trattengono meglio il calore.

7. Non lasciare il forno aperto per non disperdere il calore.

8. Verifica periodicamente le gomme, i flessibili e altri pezzi della cucina. Chiama un tecnico per effettuare la pulizia ed eventuali riparazioni

9. Controlla se ci sono fughe di gas e chiama subito un tecnico per fare riparare l'impianto.

fonte ecoage